Come trovare un valido Data Analyst – Big Data Analytics

  • Post category:News


 
Sei alla ricerca di un Data Analyst , ma stai incontrando difficoltà nel reclutarlo? Ti sei affidato a società di selezione del personale ma non hai avuto i risultati attesi?
In questo articolo ti spieghiamo chi è e di cosa di occupa tale figura e i vantaggi nel rivolgersi a Ricercamy quale partner nella ricerca e selezione.
Inizialmente, prima ancora che il termine “Big Data” venisse usato, le attività commerciali erano basate su semplici analisi numeriche per scoprire informazioni e andamenti nascosti. Oggi invece le informazioni sono recuperate da enormi volumi di dati, dove l’analisi, ormai diventata veloce, permette di anticipare le scelte future in modo più accurato.
il Data Analyst è una delle professioni più richieste al mondo. Oltre ad un aumento nella diffusione di questa figura, è possibile prevedere anche un cambiamento nelle mansioni svolte e negli strumenti utilizzati. Mentre sempre più aziende adottano i Big Data, le capacità di esplorazione e analisi dei dati dei Data Analyst si ampliano, anche grazie a strumenti sempre più intuitivi e basati sulla visualizzazione.
Le opportunità offerte da trend tecnologici (quali realtà virtuale o artificial intelligence) e la diffusione capillare di una cultura di interpretazione e analisi dei dati lasciano intravedere un’evoluzione di questa figura professionale, che si appresta a diventare centrale nella traduzione dei risultati alle figure di business.
Qualche tempo fa avevamo parlato di Data scientist https://ricercamy.com/2020/07/come-trovare-un-valido-data-scientist/, una figura particolarmente diversa seppur a primo acchito possa confondere. Difatti Il Data Analyst parte dal lavoro svolto dal Data Scientist per trasmettere e interpretare le informazioni al fine di supportare gli utenti di business.
Di cosa si occupa, nello specifico, il Data Analyst?
Il Data Analyst ha competenze gestionali, statistiche e comunicative. Nello specifico:

  • comprende l’origine dei dati e le eventuali possibili anomalie
  • analizza il flusso informatico delle informazioni
  • interpreta i dati con metodi statistici per identificare problemi di business
  • comunica i risultati alle varie aree aziendali

I principali obiettivi della Big Data analytics sono:

  • Ridurre i costi: sono introdotte nuove tecnologie per ridurre i costi di gestione e analisi di grandi volumi di dati.
  • Velocità: le analisi condotte devono essere capaci di produrre un risultato in breve tempo, oggi si fa sempre più riferimento ad analisi real time.
  • Precisione: potendo disporre di grosse quantità di dati possono essere condotte analisi più accurate.

Attraverso questi obiettivi è possibile anticipare il futuro con la conoscenza dei dati raccolti nel passato ed individuare nuove opportunità di guadagno.

Nei fatti, i software che utilizza e la tipologia di domande a cui dà risposta attraverso i dati variano enormemente in base al contesto aziendale. In un’azienda legata al mondo della Business Intelligence più tradizionale, l’analista dei dati tende ad utilizzare per la gran parte del suo tempo Microsoft Excel e database relazionali, rispondendo a specifiche richieste del business attraverso estrazioni ed analisi tradizionali. Si occupa inoltre di creare e aggiornare reportistica, in molti casi con il supporto di uno o più software di data visualization. In contesti più maturi dal punto di vista dell’analisi dei dati, il Data Analyst diventa colui che svolge analisi esplorative su enormi moli di dati e implementa modelli statistici complessi o algoritmi di machine learning. Nel cercare di identificare dei tratti comuni, a un buon Data Analyst è richiesta una conoscenza di base della statistica e dei database, relazionali e non.
Difficilmente il Data Analyst proviene da un percorso estremamente tecnico, è preferibile anzi che abbia compiuto studi economico-manageriali, in modo da poter parlare lo stesso linguaggio delle figure di business con cui andrà ad interfacciarsi.
Secondo le principali fonti analizzate sul tema, lo stipendio medio di un Data Analyst in Italia è di circa 27.000 euro annui. Vi è da considerare ovviamente i diversi livelli di seniority: per lo più i Data Analyst sono figure junior, seppur qualificate.
In termini di soft skills, al Data Analyst non è richiesta la proattività né la curiosità che invece caratterizza il Data Scientist. 
Secondo una ricerca di LinkedIn condotta sulle offerte di lavoro postate sul Social Network già nel 2015, l’analisi dei dati è la seconda skill più richiesta dalle aziende a livello globale. Sul mercato esiste una forte concorrenza sul mercato e la velocità nel contattarli e uno studio di retribuzioni sono le basi per ottimizzare un processo di selezione.
Ricercamy, head hunter rivoluzionario e dinamico, nato nel marzo 2012, si è, sin dalla sua nascita, impegnato ad introdurre nel mondo della Ricerca e Selezione elementi di innovazione che migliorassero la redemption delle attività di Recruiting.
Secondo uno studio di Linkedin, il 75% dei talenti è passivo e sta già lavorando, non dedicandosi proattivamente alla ricerca di nuove opportunità professionali. Solo il 25% di essi si interessa con più costanza alla ricerca attiva di nuove offerte di lavoro. Di conseguenza investire il budget aziendale in abbonamenti e/o offerte di piattaforme di job posting sicuramente non può essere la sola soluzione efficace o quantomeno non potrà essere l’unica.
E’ necessario adottare una metodologia che permetta di arrivare ai migliori candidati: le chiamate di caccia (o Head Hunting che dir si voglia)!
E’ così che i nostri head hunter specializzati trovano personale qualificato per i nostri clienti.
Le chiamate in anonimo, dei nostri consulenti riescono ad intercettare qualsiasi profilo con diverse seniority.
Tramite un pre-screening telefonico molto approfondito e tecnico, oltre ai dati anagrafici, vengono raccolte tutte le specifiche sull’esperienza del candidato necessarie per valutarne la validità e permettendo così allo stesso di accedere allo step successivo.
Tutto ciò di cui sopra viene svolto e condiviso in tempo reale tramite un file in cloud in cui è possibile lavorare a quattro mani con il referente delle risorse umane dell’azienda cliente, che non deve aspettare 2-3 settimane per poter ricevere la prima shortlist di validi profili, ma giusto poche ore!
La trasparenza e la condivisione immediata è un tratto distintivo di Ricercamy che si è andata specializzando negli anni nella ricerca e selezione di figure tecniche in ambito informatico e grazie allo sviluppo di competenze specifiche e conoscenza dei profili ricercati e del mercato di riferimento.
Cercando personale quotidianamente, i nostri head hunter hanno acquisito un know how e una specializzazione nei loro settori, che ci consentono di essere leader in questo mercato affollato da Recruiter.
Forte dei nostri strumenti, fin dal suo inizio, Ricercamy ha aiutando dalle più piccole Start Up informatiche, ai grandi Colossi IT nella selezione di Personale qualificato difficile da trovare e da inserire. Grazie poi all’offerta commerciale SMART i nostri clienti ci chiedono di svolgere selezioni che tendenzialmente hanno sempre svolto internamente, ma avendo costi certi e non prevedendo né completion fee né esclusiva, si sentono così liberi di delegarci tutta la gestione delle loro vacancy, o quelle attività più ostiche o ripetitive alleggerendosi il lavoro.
Se anche tu sei alla ricerca di questi profili, non aspettare!
Compila la form che trovi di seguito e sarai contattato entro un’ora dai nostri consulenti specializzati.
Fabiola Rezzonico
Responsabile Divisione IT
Ricercamy