Come trovare un valido Tecnico di agricoltura biologica

  • Categoria dell'articolo:News

Sei alla ricerca di un Tecnico di agricoltura biologica, ma non sai come e dove ricercare figure valide per la tua azienda? Hai giĂ  provato a pubblicare un annuncio su Linkedin, Monster e Infojobs, ma oltre ad aver speso del tempo nel fare screening dei cv e non aver trovato la persona che cercavi, hai attivato qualche fornitore esterno senza risultati soddisfacenti?

 

Stai leggendo l’articolo giusto… leggi come Ricercamy affianca e supporta gli organismi di controllo per la certificazione e l’accreditamento nel settore dell’agricoltura biologica, le associazioni, i consorzi e le cooperative di bioagricoltori nella ricerca e selezione di profili specializzati.

Il Tecnico di agricoltura biologica: chi è?

Il Tecnico di agricoltura biologica è la figura professionale incaricata di consigliare e coadiuvare l’imprenditore sulle migliori strategie da adottare per attuare i dettami della produzione biologica.

Progetta, organizza e realizza le attività legate alla coltivazione e all’allevamento, in particolare per quanto riguarda la scelta delle colture in relazione ai suoli, la rotazione delle stesse, le tecniche di allevamento che tengano conto del  benessere animale, la lotta biologica contro i parassiti delle piante e infine l’utilizzo degli scarti come risorsa energetica.

Cosa fa?

Le sfide legate alle problematiche di natura ambientale, sociale ed economica consentono all’agricoltura biologica di avere un ruolo di primo piano nel mitigare i profondi cambiamenti che un uso non sostenibile delle risorse può avere sulla produttività da un lato e sulla salubrità dei prodotti agricoli dall’altro.

I sistemi agricoli monoculturali e intensivi che fanno ampio ricorso alla chimica hanno di fatto ridotto nel corso degli anni la biodiversitĂ , oltre che essere una minaccia significativa per interi ecosistemi.

Le aziende agricole biologiche, in particolare quelle familiari con una forte identità locale e portatrici di conoscenze legate alla tradizione rappresentano un importante baluardo in difesa dell’erosione dei suoli, nel migliorare la fertilità dei terreni e nel preservare la qualità delle acque da forme di inquinamento antropico.

In questo contesto il ruolo del Tecnico è certamente rilevante, le conoscenze acquisite e l’aggiornamento professionale continuo gli consentono di mettere in campo, oltre al sapere di tipo tradizionale anche un approccio di tipo moderno alla gestione e alla conduzione di una azienda agricola.

Principi dell’agricoltura Biologica

I principi dell’agricoltura biologica, di cui il Tecnico è uno dei garanti più qualificati, sono molteplici in queste sede possiamo rimarcarne alcuni di essi.

Principio del benessere, in questo principio viene sottolineato il fatto che il benessere degli individui non può essere scisso dal benessere dell’ecosistema. Il ruolo dell’agricoltura biologica è quello di farsi garante della salvaguardia dell’ecosistema evitando l’uso di fertilizzanti di sintesi e di fitofarmaci, medicine veterinarie e additivi alimentari con effetti benefici su tutti gli organismi.

Principio dell’ecologia, afferma che la produzione agricola deve basarsi su processi ecologici e di riciclo. I fattori produttivi devono essere per quanto possibile sottoposti ad un costante riutilizzo, in maniera tale da mantenere e migliorare la qualità dell’ambiente, preservando nel contempo le risorse.

Principio dell’equità, in questo principio viene dato ampio risalto all’importanza delle relazioni umane che consentano a tutti gli attori coinvolti di poter contribuire alla sovranità alimentare e a ridurre la povertà, in particolare nelle aree marginali.

Principio della precauzione, è forse una dei pilastri su cui si basa il campo delle produzioni biologiche, la nostra conoscenza incompleta degli ecosistemi impone l’adozione di opportune precauzioni che tutelino la salute e il benessere delle persone. L’uso delle moderne tecnologie deve essere attentamente valutato caso per caso rifiutando nel contempo tecnologie i cui risvolti non sono ad oggi ancora certi come l’ingegneria genetica.

Come si diventa Tecnico di agricoltura biologica?

Le mansioni svolte da questa figura professionale richiedono adeguate conoscenze nel campo della biologia, dell’agronomia e dell’agroalimentare. Le competenze necessarie si acquisiscono con il diploma di perito agrario. Per una migliore e più completa preparazione è possibile proseguire il percorso di formazione con il diploma di laurea in Scienze biologiche, Scienze e tecnologie agrarie e forestali, Scienze e tecnologie agroalimentari ecc.

L’aggiornamento professionale può essere conseguito iscrivendosi a corsi di specializzazione. Corsi per consulenti tecnici specifici del settore biologico, come per esempio quelle che riguardano il nuovo regolamento europeo e le relative normative per le produzioni vegetali, per la trasformazione delle produzioni biologiche e per le produzioni zootecniche biologiche.

 

In sintesi cosa fa un Tecnico di agricoltura biologica?

  • Fornire consulenza alle aziende agricole nella scelta delle colture, tenendo conto delle caratteristiche dell’ecosistema;
  • Consigliare le pratiche colturali piĂą adatte, in particolare per quanto riguarda le concimazioni e le rotazioni delle colture;
  • Verificare le modalitĂ  di produzione e che le stesse vengano eseguite nel rispetto delle normativa comunitaria;
  • Studiare le varie possibilitĂ  di intervento contro i parassiti delle piante adottando forme di lotta biologica senza ricorre a sostanze dannose per l’ambiente;
  • Valutare le possibilitĂ  offerte dagli scarti in campo agricolo e il loro riutilizzo come fonte energetica;
  • Redigere report sui metodi di sostenibilitĂ  adottati dalle aziende agricole nel campo delle produzioni biologiche;
  • Impegnarsi a diffondere la cultura del biologico tramite incontri e seminari e incentivare il passaggio da un agricoltura convenzionale ad una agricoltura biologica.

 

Principali caratteristiche richieste:

  • Possiede un diploma di scuola media superiore o una laurea propria del campo delle Scienze Agrarie e Agroalimentari;
  • Aggiorna in maniera costante le sue competenze frequentando corsi di specializzazione specifici del settore
  • Possiede nozioni di biologia, chimica, ecologia;
  • Conoscenze le diverse tecniche agronomiche e sa dosare nel modo piĂą corretto le moderne tecnologie utilizzate nel campo dell’agricoltura;
  • Conosce i metodi di produzione biologica e i sistemi di certificazione;
  • Conosce la normativa nazionale e comunitaria nel campo delle produzioni biologiche;
  • Pianifica e organizza sistemi di lotta biologica contro i parassiti delle piante e degli animali;
  • Possiede ottime capacitĂ  comunicative;
  • Possiede un buona conoscenza della lingua inglese ed in particolare della terminologia tecnica propria del settore dell’agricoltura biologica;
  • Possiede un forte orientamento verso il cliente;
  • Possiede una buona capacitĂ  di ascolto e di analisi.

 

Il Tecnico di agricoltura biologica opera in un campo in continua evoluzione. Evoluzione sia degli aspetti normativi sia in riferimento alle prospettive a medio e lungo termine. In questo settore è fortemente sentita la necessità di avere personale tecnico competente, che possieda una buona conoscenza della normativa e delle pratiche agricole. L’obbiettivo è quello di soddisfare una domanda sempre più crescente di prodotti biologici affidabili da parte dei consumatori. Nel contempo è necessario remunerare adeguatamente tutti gli attori coinvolti della filiera produttiva. I consumatori devono avere fiducia che le normative in materia di produzione biologica siano rispettate, cioè è possibile solamente mantenendo un rigoroso sistema di certificazione e di controllo.

 

Se anche tu sei alla ricerca di questi profili, non aspettare!

Prendete un appuntamento con un nostro consulente cliccando Qui.

 

Ricercamy, head hunter rivoluzionario e dinamico, nato nel marzo 2012, si è, sin dalla sua nascita, impegnato ad introdurre nel mondo della Ricerca e Selezione elementi di innovazione che migliorassero la redemption delle attività di Recruiting.

 

Secondo uno studio di Linkedin, il 75% dei talenti è passivo e sta già lavorando, non dedicandosi proattivamente alla ricerca di nuove opportunità professionali. Solo il 25% di essi si interessa con più costanza alla ricerca attiva di nuove offerte di lavoro. Di conseguenza investire il budget aziendale in abbonamenti e/o offerte di piattaforme di job posting sicuramente non può essere la sola soluzione efficace o quantomeno non potrà essere l’unica.

 

E’ necessario adottare una metodologia che permetta di arrivare ai migliori candidati: le chiamate di caccia! (o Head Hunting che dir si voglia).

E’ così che i nostri head hunter specializzati trovano personale qualificato per i nostri clienti.

Le chiamate in anonimo, dei nostri consulenti riescono ad intercettare qualsiasi profilo con diverse seniority.

Tramite un pre-screening telefonico molto approfondito, oltre ai dati anagrafici, vengono raccolte tutte le specifiche sull’esperienza del candidato necessarie per valutarne la validità e permettendo così allo stesso di accedere allo step successivo.

Tutto ciò di cui sopra viene svolto e condiviso in tempo reale tramite un file in cloud con il nostro referente delle risorse umane dell’azienda cliente.

 

Trasparenza e condivisione

La trasparenza e la condivisione immediata è un tratto distintivo di Ricercamy che si è andata specializzando negli anni nella ricerca e selezione di figure tecniche in ambito meccanico, elettrico ed elettronico e grazie allo sviluppo di competenze specifiche e conoscenza dei profili ricercati e del mercato di riferimento.

 

La modalitĂ  operativa del nostro head hunter non prevede che il cliente debba aspettare 2-3 settimane per poter ricevere la prima shortlist di validi profili. Per noi ricerca e selezione del personale significa condivisione in tempo reale e lavorare senza filtri ed a 4 mani con il nostro referente HR.

Cercando personale quotidianamente, i nostri head hunter hanno acquisito un know how e una specializzazione nei loro settori, che ci consentono di essere leader in questo mercato affollato da Recruiter.

Forte dei nostri strumenti, fin dal suo inizio, Ricercamy ha aiutando le aziende metalmeccaniche nella selezione di Personale qualificato difficile da trovare e da inserire. Grazie poi all’offerta commerciale SMART (di Ricercamy), i nostri clienti ci chiedono di svolgere selezioni che tendenzialmente hanno sempre svolto internamente, ma avendo costi certi e non prevedendo né complition fee né esclusiva, si sentono così liberi di delegarci tutta la gestione delle loro vacancy.

 

Se anche tu sei alla ricerca di questa tipologia di profili, compila la form che trovi di seguito e sarai contattato entro 1 ora dai nostri consulenti.