Vi racconto una storia | Casi di successo | Ricercamy

Oggi voglio raccontarvi una delle più recenti storie di successo che ha visto protagonista Ricercamy nella ricerca e selezione di personale specializzato nell’ambito dell’Information Technology.

 

Alle porte di Milano c’è un’azienda che lavora in un ambito molto particolare delle tecnologie informatiche quello dei Big Data e del Data Management. Si tratta di un settore particolarmente in crescita in virtù dell’aumento esponenziale della quantità di dati oggi a disposizione delle aziende e dell’importanza che la rapida e corretta fruibilità degli stessi riveste nella quotidiana competizione sui mercati globali. Di recente vi abbiamo raccontato di questo trend con un focus specifico nella ricerca di profili di tipo finanziario.

 

Questa realtà fondata da due giovani di grande talento e sviluppatasi molto negli ultimi anni, segna ancora oggi degli interessantissimi trend di crescita poiché le soluzioni da essa proposte incontrano il crescente interesse del mercato.

 

C’è solo un ostacolo che limita questa ascesa: l’inserimento di validi profili all’interno del proprio organico.

 

Come spesso ci capita di constatare nel nostro lavoro di Head Hunter molte aziende oggi non hanno problemi di fatturato, di cash flow o numero di ordini, ma piuttosto di reperire quei talenti che permetterebbero loro di soddisfare al meglio le richieste dei loro clienti accelerando di conseguenza la crescita.

 

Le ragioni di questa situazioni sono molteplici, alcune ben note (numero limitato di profili altamente specializzati che escono dalle università italiane ogni anno, scarsa mobilità sul territorio nazionale). Altre invece risiedono nella difficoltà naturale delle aziende a sviluppare processi di recruiting adeguati alla tipologia di profili cercati.

Questo però, lasciatecelo dire, è normale. L’azienda deve occuparsi del proprio business impegnandosi al 100% delle proprie possibilità delegando le attività non core ai professionisti di riferimento.

 

Ed è qui che entra in gioco Ricercamy. Il nostro compito, infatti, è quello di metterci in relazione con i candidati presenti sul mercato attivamente grazie  alla pubblicazione di annunci mirati, ma soprattutto attraverso un’attività di caccia che con rapidità e precisione ci permette di portare all’attenzione del nostro cliente i profili più qualitativi anche se questi non si sono attivamente mossi sul mercato del lavoro.

 

 

Perché questa attività ha successo?

 

Principalmente perché permette di arrivare ad una base di candidati estremamente più ampia rispetto a quella disponibile attraverso l’utilizzo dei soli annunci di lavoro. In particolare per ogni posizione che si apre generalmente vi è un 20% del mercato di riferimento disponibile a valutare attivamente un cambio di azienda mentre il restante 80% ha un atteggiamento passivo rispetto ad eventuali opportunità professionali ovvero non si sta muovendo inviando proprie candidature in risposta a degli annunci specifici. Questo però non vuol dire che non possa valutare delle opportunità qualora queste rientrino nella sua sfera di interesse.

 

Il nostro compito è entrare in contatto con quell’80% e valutare la motivazione rispetto all’opportunità offerte dal nostro cliente.

 

Così è stato anche in questo caso.

 

Sebbene i profili ricercati avessero la definizione di “Junior” la complessità risiedeva nel fatto che trattandosi di professionalità molto richieste è stato particolarmente complicato riuscire a convincere questi giovani che stavano già affrontando un stage oppure un inserimento in apprendistato, non solo a cambiare azienda, ma anche solo ad affrontare un iter di sezione. La bravura dei nostri head hunter, però, ha fatto sì che in breve tempo solo i profili più motivati siano arrivati all’incontro col cliente.

 

Con un ristretto numero di colloqui siamo arrivati ad inserire due profili che soddisfano in toto le richieste del nostro cliente.

 

Visto il successo l’operazione continua. La “ fame” di validi candidati da parte del nostro cliente non si placa e noi di certo siamo ben lieti di poter proseguire la collaborazione.

 

Vittorio Nascimbene

Founder and Ceo Ricercamy.com

By | 2017-09-04T07:25:10+00:00 settembre 4th, 2017|Education, lavoro, Novità, Ricercamy|